Tas Fjallraven Kanken

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Tas Fjallraven Kanken. FINO AL 60% DI SCONTO!

In attacco tutto ruota attorno al piede fatato di Dennis Bergkamp e allo strapotere fisico in area di uno come Patrick Kluivert, Le alternative sono il giramondo Gaston Taument e lo spilungone dell’Ajax Peter Hoekstra, All’occorrenza c’è anche Youri Mulder dello tas fjallraven kanken Schalke 04, Terzo torneo per l’Olanda targata Lotto, L’azienda italiana ha già proposto kit interessanti per Euro ’92 e Usa’94, Per Euro ’96 ne propone uno che sarà fortemente iconico e riconoscibile ad anni di distanza, La divisa home è tradizionalmente arancione, con una tonalità molto viva, Al centro è riconoscibile una stampa dell’esultanza per il gol di Wim Jonk all’Irlanda, durante il Mondiale negli Stati Uniti, Una scelta coraggiosa che si può amare od odiare, ma che sicuramente fa sì che la maglia venga ricordata, Il leone rampante della ‘KNVB’ è in bianco all’altezza del cuore mentre dalla parte opposta è presente lo stemma ‘Lotto’, Il colletto è a polo bianco (con bordi tricolori rosso-bianco-blu) chiuso da un bottoncino alla base, I bordi delle maniche sono bianchi con la stessa fantasia rosso-bianco-blu del colletto, Calzoncini bianchi e calzettoni arancioni con la parte alta bianca arricchita dal tricolore nazionale..

Ancora più iconica la divisa away, che rimane sulla scia delle precedenti circa la scelta cromatica: il bianco, La parte alta della divisa presenta però un gradiente arancione che provoca un effetto ottico davvero singolare e piacevole, Colletto, bordo maniche e stemmi vari sono uguali alla divisa home, Calzoncini arancio, calzettoni bianchi con la parte alta arancio arricchita dal tricolore, Numeri e nomi in bianco sulla divisa home, arancio su quella away, Con Galles ed Irlanda del Nord sempre più ai margini del calcio europeo e l’Irlanda eliminata nello spareggio di Liverpool, tocca alla Scozia provare a rompere le uova nel paniere dell’Inghilterra in casa sua, Tra l’altro, grazie ad un meraviglioso scherzo del destino, la ‘Tartan Army’ di Craig Brown capita proprio nel girone dei tas fjallraven kanken ‘Tre Leoni’ di Venables, La Scozia del 1996 non è certo tra le favorite, per di più in un girone così complicato, La generazione che ha permesso di partecipare a tutti i Mondiali partendo dal 1974 è agli sgoccioli ed infatti nel 1994 la squadra delle Highlands non ha preso parte alla rassegna iridata..

La qualificazione è arrivata dopo un girone condotto in maniera comoda e concluso solamente dietro alla Russia e davanti alle possibili outsider Grecia e Finlandia, Brown è il commissario tecnico sin dal 1993 e per la ‘vacanza’ oltreconfine sceglie i migliori 22 possibili, Non ci sono nomi che fanno girare la testa, In porta il dualismo tra Jim Leighton ed Andy Goram viene vinto da quest’ultimo, La difesa poggia sul roccioso Colin Hendry, che si avvale della collaborazione di picchiatori come Stewart McKimmie, Tom Boyd, Colin Calderwood e Tosh McKinlay, Derek Whyte e Craig Burley sono le riserve, A centrocampo la sapiente gestione del pallone del capitano Gary McAllister, assistito da Stuart McCall e John Collins, In attacco John Spencer e Gordon Durie, in rotazione continua con Ally McCoist, Kevin Gallacher e Scott Booth, Eoin Jess e Billy McKinlay i primi cambi a centrocampo mentre Darren Jackson e Scott Gemmill si godono due settimane tas fjallraven kanken di villeggiatura..

C’è poco da eccepire: Umbro ha sempre lavorato benissimo per la Scozia, ma nel 1996 decide che almeno sotto l’aspetto delle divise la ‘Tartan Army’ deve essere superiore all’odiata Inghilterra. E così sarà. La divisa home è una delle più iconiche in assoluto per la Nazionale delle Highlands. Umbro propone una divisa blu scuro con un pattern tartan che richiama i kilt scozzesi, con finiture verdi e blu ancora più scuro. Il colletto è a polo bordato di giallo con inserti in maglieria. Le maniche sono monocolore con una fascia che propone a ripetizione il diamante Umbro. Lo stemma della ‘SFA’ è proposto all’interno di un crest ‘old style’ bordato di giallo, che è lo stesso coloro del diamante Umbro. I calzoncini sono identici alla maglietta così come i calzettoni. Numeri e nomi sono in giallo.

La divisa away è rivoluzionaria alla stessa maniera ma ruba meno l’occhio, anche perché ha poco della tradizione scozzese, Bianca di base (come calzoncini e tas fjallraven kanken calzettoni) con una fantasia geometrica a punta in blu (tendente al viola) e verde scuro, Crest e stemma nazionale sono al centro così come il lettering ‘Umbro, sempre in giallo, Il colletto è a polo con due inserti in maglieria che convolano in un triangolo verde, I calzoncini presentano la stessa fantasia solamente su un lato (la gamba sinistra del giocatore)..

Esaurito il gruppo plasmato ad immagine e somiglianza da Karl Rappan, l’inventore del catenaccio, la Svizzera calcistica ha vissuto anni bui fino al timido approcciarsi della seconda generazione degli stranieri nati e cresciuti nei ventisei cantoni. Così Roy Hodgson ha guidato la Nazionale rossocrociata a disputare un Mondiale (quello del 1994) dopo 28 anni dall’ultimo e a qualificarsi al primo torneo Europeo della propria storia, arrivando seconda dietro alla Turchia ed eliminando la quotatissima Svezia (battuta 4-2 a Berna). In Inghilterra però la guida tecnica degli elvetici è il portoghese Artur Jorge, allenatore giramondo e vincitore della Coppa dei Campioni con il Porto nel 1987.

La Svizzera inserita nel girone con Inghilterra, tas fjallraven kanken Olanda e Scozia sa di avere poche chances e di giocarsi tutto grazie alla solidità del gruppo, In porta Marco Pascolo (un futuro al Cagliari), La linea difensiva è formata dal capitano Alan Geiger, da Yvan Quentin, Marc Hottiger, Stephan Henchoz e Sebastien Jeanneret, spesso aiutati da Ramon Vega, Il numero 10 è il fantasista del Bayern Monaco Ciriaco Sforza, che duetta con l’altro ‘tedesco’ (Borussia Dortmund) Stephane Chapuisat, vera stella della squadra, A fare filtro il fosforo e la grinta del giovanissimo Johann Vogel, Marcel Koller è la prima riserva, Raphael Wicky e Alexandre Comisetti seguono, In attacco la boa del Rennes Marco Grassi attorno al quale guizza il ficcante Kubilay Türkyılmaz, turco di origine e scaltro per natura, Troppo poco, però, considerando che in panchina siedono solamente Sebastien Fournier e David Sesa: non certo dei fenomeni, Patrick Sylvestre, Regis Rothenbühler e Cristophe Bonvin (per lui qualche scampolo) completano il gruppo..

Come ai Mondiali di due anni prima, la Svizzera si affida nuovamente a Lotto, marchio sportivo italiano, Le divise sono piuttosto classiche e peccano di originalità, visto che le principali innovazioni le possiamo trovare anche nella away dell’Olanda, La maglia home è tradizionalmente tas fjallraven kanken rossa con un leggero gradiente bianco sfumato all’altezza delle spalle, Classico colletto a polo bianco bordato di rosso (chiuso da un bottoncino), stemma all’altezza del cuore e marchio Lotto dalla parte opposta, Bordi manica biancorossi, calzoncini bianchi e calzettoni rossi, La divisa away riprende esattamente quella dell’Olanda, con il gradiente sfumato molto vistoso che questa volta è rosso su base bianca, Il resto dei dettagli è identico a quello della prima divisa, ad eccezione del colletto che non è chiuso dal bottoncino ma da due inserti in maglieria bianchi bordati di rosso, Calzoncini rossi e calzettoni bianchi..



Recent Posts