Scarpe GGDB Sstar

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Scarpe GGDB Sstar. FINO AL 60% DI SCONTO!

È molto probabile che nel scarpe ggdb sstar contratto con adidas vi fossero delle clausole legate alla presenza in ambito europeo e ai risultati, l’attuale partecipazione all’Europa League e il rendimento in Serie A non sono evidentemente bastate per continuare il rapporto iniziato nel 1998, Ora arriverà Puma, un marchio importante che tornerà finalmente nel massimo campionato italiano..

In casa Nike è tempo di grandi eventi, dopo l’ Inghilterra sono state svelate le nuove maglie della Nigeria per i Mondiali 2018, una collezione ispirata all’ottimismo e all’audacia delle nuove generazioni cresciute nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in tutto il mondo, In una sola parola: “Naija”, La presentazione è avvenuta a scarpe ggdb sstar Londra con la partecipazione di Wilfred Ndidi, Jon Obi Mikel, Alex Iwobi e Kelechi Iheanacho, nel video in diretta le loro reazioni, Ai Mondiali di Usa ’94 la Nigeria partecipò per la prima volta in assoluto, regalandosi momenti straordinari con le vittorie su Bulgaria e Grecia che le valsero la qualificazione agli ottavi di finale, prima di essere eliminata dal rasoterra di un certo Roberto Baggio..

Nike ha preso spunto proprio dal kit sfoggiato nella rassegna americana per realizzare una maglia scarpe ggdb sstar casalinga caratterizzata da una grafica a frecce, a richiamare le piume dell’aquila presente sullo stemma, Il corpo è biancoverde, le maniche invece bianconere, per un look d’impatto ed energico che darà la carica giusta alle Super Eagles, “Quando ho visto il nuovo kit per la prima volta ho pensato ‘Wow, è spettacolare! Lo voglio subito”, sono state le parole di Alex Iwobi, la giovane promessa dell’Arsenal che ha siglato il gol decisivo per la qualificazione al prossimo torneo mondiale in Russia..

L’audacia della divisa casalinga si contrappone alla semplicità di quella away, interamente basata sul verde scuro. Virati in un verde luminoso sono pure lo swoosh di Nike e lo stemma della federazione calcistica nigeriana. “I due kit formano un perfetto yin e yang delle divise, abbiamo controbilanciato l’energia della home con uno stile molto scuro in trasferta, colorando di un verde brillante anche i loghi”, ha illustrato Dan Farron, Nike Football Design Director. A livello tecnico le divise sono realizzate con tecnologia Vaporknit, un tessuto leggero e iper traspirante con punti di areazione strategici su tutto il corpo.

Personalità a mille per l’intera collezione che include t-shirt pre-gara, tute, giacche e accessori, Spicca in più occasioni la parola “Naija” e l’ispirazione a tutto il movimento generazionale che scarpe ggdb sstar vuole trascinare una nazione intera..

Se volessimo rintracciare uno dei connubi più felici di questi anni tra maglia, sponsor, tradizione e stile, probabilmente molti di noi volgerebbero lo sguardo verso la Germania. Verso Colonia, dove il legame tra Erima e i colori biancorossi ci ha regalato alcune tra le proposte più stuzzicanti degli anni Duemiladieci, e dove non fa eccezione quest’anno grazie a un capo che è ben più di una semplice casacca. Se infatti al fischio finale, una divisa rimane banalmente impregnata di sudore, altre volte può diventare madida di storia. Quella storia capace di sospingere un normale pezzo di stoffa nell’immaginario di tifosi e appassionati, facendone una reliquia da custodire gelosamente nei ricordi più dolci, da tramandare fieramente.

Parole ancor più pregnanti, quando c’è proprio la storia dietro alla nascita di una maglia unica, Una maglia che riassume in sè 70 anni di storia, 70 anni di Colonia, Proprio 70 anni sono passati da quando Kölner e Sülz, due tra le maggiori compagini che dal primo Novecento animavano il calcio cittadino, unirono le forze per dare vita al Colonia, Principale fautore della nuova realtà fu Franz Kremer, un nome che ha lasciato un importante segno nella storia del calcio teutonico, Già alla testa del Kölner, e primo presidente del Colonia, nel secondo dopoguerra Kremer fu tra i primi a preconizzare un scarpe ggdb sstar campionato nazionale anche in Germania Ovest, in un’epoca in cui, a differenza del resto d’Europa, il titolo tedesco era ancora la somma di lunghe fasi regionali..

Nella mente di Kremer c’era la Bundesliga come oggi la conosciamo, un campionato nazionale che alla scarpe ggdb sstar sua nascita, nell’edizione 1963-1964, vide proprio il Colonia quale primo vincitore ; un trionfo che si sommò al primo alloro assoluto del club, arrivato due anni prima in Oberliga, e che contribuì a scrivere il periodo più glorioso dei biancorossi, Era quindi facile prevedere come, davanti a 70 candeline da spegnere, Erima s’indirizzasse verso quel calcio lontano ma ancora ben vivo nei cuori dei tifosi del Geißböcke..



Recent Posts