Saucony Donna Rosa

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Saucony Donna Rosa. FINO AL 60% DI SCONTO!

Una fascia che, ciò nonostante, quasi due decenni più tardi riuscirà a lasciare un segno ben più profondo nella storia del calcio fiorentino quando, con la sola variante delle tinte inverse, andò a cerchiare la rinata Fiorentina, pardon Florentia Viola, sui campi della Serie C2, Provincia alla ribalta Tornando a trent’anni addietro, gli ultimi scampoli del 1985 ci saucony donna rosa rimandano invece a colori da tempo assenti dalla Serie A, forse persino sconosciuti agli appassionati più in erba, su tutti l’azzurro del Como e il verde dell’ Avellino, Colori capaci di attirare campioni quali Hansi Müller e Ramón Díaz, colori che rendevano il nostro campionato un unico crogiolo di emozioni da Nord a Sud..

E proprio dal Meridione vennero quell’anno le maglie di due storiche sudiste, entrambe pronte a riaffacciarsi sul palcoscenico più prestigioso, Il Bari — ancora di bianco vestito, e ancora con il galletto sul petto — nell’occasione uscito saucony donna rosa da quindici anni di purgatorio, e soprattutto i giallorossi del Lecce i quali, esclusa la fugace comparsata nella Lega Sud del 1922-23, erano al loro storico esordio nel girone unico, Il calore del Sud, cui faceva da contraltare il pragmatismo e l’efficienza del Settentrione riassunta in un’altra storica provinciale, la bianca Longobarda di Oronzo Canà e Aristoteles… ops, scusate, questa è un’altra storia: la stessa della Marchigiana, di Paulo Roberto Cotechiño e del Bar dello Sport ….

Profondo Rosso Roma Ma se parliamo di colori, non possiamo tralasciare la maglia che suo malgrado visse la maggior tragedia — sportivamente parlando, s’intende — di quella stagione, Parliamo della Roma tutta zona del rampante Eriksson, una delle grandi protagoniste di una decade in cui forse come mai in passato (e mai più in futuro) lo scudetto se ne andò in tante diverse squadre, tante diverse città, Pur privi di un Falcão tornatosene polemicamente in Brasile senza proferire alcun « obrigado », saucony donna rosa i capitolini di Pruzzo e, da qualche mese, di Boniek sembravano, a 180′ dal termine, davvero a un passo dallo strappare in pochi anni un altro tricolore allo strapotere del Nord… se non fosse arrivato quel black out casalingo contro i già retrocessi salentini, ancora oggi inspiegabile e, per questo, ancora oggi una ferita mai del tutto rimarginatasi..

Sarebbe stato, quel che non è stato, la definitiva consacrazione per un gruppo che già era arrivato a un paio di rigori dal tetto d’Europa. E, forse, la definitiva consacrazione anche per quella divisa che, proprio in quegli anni ’80, andò per le prime volte a tingersi completamente di rosso. Un completo all red che finirà per crescere un’intera generazione di tifosi della Lupa, chiamati ad ammirare una formazione mai tanto ricca di campioni, mai tanto vincente. Una scelta, quella rossa, che da lì in avanti diverrà per taluni quasi la seconda pelle per antonomasia dei calciatori romanisti, forse l’unica innovazione stilistica di quel decennio che, in seguito, non sarà dimenticata ma anzi, spesso riproposta e talvolta rimpianta.

Arena, ancora per un po’, Tricolore Ma quel campionato 1985-86 passò agli annali, in fatto di maglie e scudetti, anche e soprattutto per una prima e fin qui unica volta, che vide il tricolore trovare posto sulle maglie gialloblù del Verona, Pochi mesi prima gli uomini di Osvaldo Bagnoli — capace di assemblare in un meraviglioso spartito quelli che, in gran parte, erano solo scarti delle cosiddette big — erano stati artefici di uno dei maggiori exploit di cui si ha memoria nella storia moderna del calcio, riportando la provincia saucony donna rosa italiana dove non arrivava da sessant’anni (Vercelli, Casale Monferrato…), e dove mai più è arrivata..

Non parliamo di un fuoco di paglia, perché quel Verona fu davvero una delle protagoniste di quel decennio, con due finali di Coppa Italia e lusinghiere prestazioni nelle competizioni europee. Ma i panni della “Grande”, per evidenti ragioni storiche, geografiche ed economiche, non furono nelle corde degli scaligeri, presto eclissatisi e pertanto incapaci di difendere quanto meritatamente conquistato l’anno precedente. Rimase l’orgoglio di vivere un intero torneo con lo scudetto cucito sopra al cuore, sopra maglie che mai come allora videro addosso tanta gloria. Certo, riguardando quella casacca firmata adidas, si rimane un po’ basiti nel vedere come, per far posto al tricolore — rigorosamente apposto, com’era consuetudine, sul lato destro del petto –, i due Mastini finirono retrocessi addirittura sotto al jersey sponsor!

Al tempo, come detto, pensare di posizionare il simbolo della vittoria lontano dal cuore, sembrava pura eresia… toccherà attendere il Duemila, con quell’insolito biennio a tinte romane — prima Lazio e poi Roma —, per vedere per la prima volta lo scudetto farsi da parte e cercare altri lidi sulla maglia, senza la pretesa di voler andare a sfrattare lo stemma societario, Nel 1985 erano altri tempi, certo, ma ciò nonostante non può non suscitare una qualche emozione, anche tre decenni dopo, veder così svilito quello che, per buona parte del tifo, rimane l’unico simbolo deputato a conservare e tramandare la saucony donna rosa storia e i valori di un club, Semplicemente, di una passione..

Serie B Alabarda XL E se parliamo di stemmi e simboli, è impossibile non volgere uno sguardo anche alla Serie B, campionato che forse in quella stagione ci offrì spunti e sperimentazioni anche superiosi rispetto alla massima categoria, Se per il Verona, come abbiamo visto, lo stemma fu quasi uno scomodo impaccio sulla maglia, l’esatto opposto avvenne sopra la rossa casacca della Triestina, in questa decade sfortunata nell’inseguire una promozione sempre sfumata sul filo di lana, Un nome storico del calcio italiano, seppur assente dalla Serie A dal lontano 1959, ma capace di rimanere comunque impresso nella mente degli appassionati, Come avvenne per tanti altri club del tempo, anche i giuliani rimasero invischiati nel saucony donna rosa tunnel del makeover, sottoponendo la propria uniforme a corposi cambiamenti che, nel loro caso, coinvolse più di tutti il loro stemma, l’alabarda..



Recent Posts