Adidas 2015 Uomo

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Adidas 2015 Uomo. FINO AL 60% DI SCONTO!

La partita dell’86 fu molto coinvolgente, con l’Argentina adidas 2015 uomo avanti 2-0 grazie alle reti di Brown al 23° e di Valdano al 55°, I tedeschi non mollarono e nel giro di sei minuti rimontarono lo svantaggio con Rummenigge al 74° e Voeller all’80°, Ma tre minuti dopo fu Burruchaga, servito da Maradona, a siglare il gol del definitivo 3-2, grazie al quale l’Argentina si laureò per la seconda volta Campione del Mondo, Splendidamente semplice la maglia dell’Argentina marchiata Le Coq Sportif, la più iconica della sua storia, Strisce verticali pulite, girocollo bianco e tonalità tenue di celeste, Aspetto leggermente più moderno per la maglia verde dei tedeschi, con le tre strisce bianche lungo le maniche e girocollo a lembi sovrapposti bianco profilato di verde. Caratteristico il disallineamento tra il fiore adidas e lo stemma con l’aquila sul cuore..

La finale del ’90 iniziò sotto una cattiva stella per l’ albiceleste, “colpevole” di aver eliminato l’Italia in semifinale, Lo stadio Olimpico inondò di fischi l’inno argentino, con picco di cori di insulto quando sui maxischermi comparve il volto di Maradona, che rispose con due rabbiosi “hijos de puta!”, S cena memorabile anche se non certo edificante, A differenza di quattro anni prima, la partita fu noiosa, nervosa e condizionata da decisioni arbitrali discutibili, con l’Argentina che chiuse adidas 2015 uomo in nove contro undici, Il risultato si sbloccò all’84°, con rigore (dubbio) realizzato da Andreas Brehme che consegnò ai tedeschi il terzo titolo mondiale, Fu anche l’ultima competizione affrontata come Germania Ovest, visto che nell’Ottobre del 1990 si completò formalmente la riunificazione con la parte orientale, avviata dopo la caduta del muro di Berlino dell’anno precedente..

Della memorabile maglia della Germania Ovest del 1990 abbiamo parlato tante volte, ma non stanca mai, con la vistosa fascia spezzata tricolore che attraversava la parte frontale congiungendosi con le maniche, Più semplice la seconda maglia dell’Argentina, anch’essa adidas, blu con le tre strisce adidas 2015 uomo bianche lungo le maniche, il colletto a V ed i bordi bianchi con doppie righine blu, Dunque, a livello cabalistico, diventa molto interessante scoprire chi tra Germania ed Argentina indosserà la prima divisa, Secondo il tabellone sono i tedeschi a giocare in casa e dunque ad avere il diritto di scegliere di giocare con la maglia home..

Personalmente,  come espressi in un commento nel mese di Febbraio, troverei intrigante vedere la Germania affrontare l’Argentina al Maracanà con la seconda divisa, così simile a quella del Flamengo ed in grado dunque di attirare su di sé molte simpatie oltre alla naturale avversione all’Argentina. Certo però che dopo i 7 gol rifilati al Brasile proprio con quella maglia, il discorso tende a decadere. In ogni caso da domenica sera sapremo se diventeranno  4 le stelle sullo stemma della Germania oppure 3 quelle dell’Argentina. La vincente inoltre sarà  la prima nazionale ad alzare per la terza volta il  Fifa World Cup Trophy, inteso come l’attuale coppa progettata dall’italiano Silvio Gazzaniga, in palio dall’edizione 1974, dopo che il Brasile vincendo la terza Coppa Rimet nel 1970 guadagnò il diritto di detenerla definitivamente a scapito dell’Italia. Lo stesso non accadrà per l’attuale coppa, che sopravviverà fino al riempimento dei 17 spazi disponibili sotto la base, quindi salvo rivoluzioni, fino al 2038.

Da non trascurare anche il fatto che si tratterà di una finale tutta a marchio adidas: non accadeva proprio dal 1990, Un vero trionfo per le tre strisce, adidas 2015 uomo mentre alla Nike spetterà il magro piatto della finale di consolazione tra Brasile ed Olanda, con la maglia dei verdeoro macchiata in eterno dall’onta dell’1-7 contro la Germania, E voi per chi tiferete? Si confermerà il tabù della maglia da trasferta perdente?.

L’ Arsenal ha presentato le prime divise della partnership tra i Gunners e Puma per la stagione 2014-2015, svelate a Londra con una spettacolare proiezione sul fiume Tamigi. I tifosi ed i turisti accorsi hanno potuto vedere il manager Arsène Wenger introdurre il nuovo sponsor tecnico e illustrare l’ispirazione che si cela dietro le divise, riassunta nei tre principi  “Future, Forever, Victorious”, frase cardine della campagna di Puma insieme all’hashtag #StrongerTogether.

FOREVER – Home kit La nuova divisa casalinga della squadra londinese è fedele alla tradizione e si presenta in maglia rossa con maniche bianche, sulle quali sono ben visibili i dettagli rossi sul bordo, All’interno del colletto il motto “Future, Forever, Victorius”, “Futuro, per sempre, vittorioso”. I pantaloncini sono bianchi con una sottile striscia rossa ai lati, mentre i calzettoni sono a strisce cerchiate di colore bianco e rosso: adidas 2015 uomo un cenno storico, questo, che fa riferimento alle divise indossate dal ’94 al ’96 e in poche partite nel 1962..

VICTORIOUS – Away kit La seconda maglia dell’Arsenal presenta due colori “simbolo” della storia dei Gunners : l’accoppiata “yellow-navy blue” ha segnato alcuni dei momenti più felici della squadra londinese, come le vittorie in adidas 2015 uomo FA Cup del 1971 e del 1979 e la storica conquista della Premier League in casa del Liverpool, nel 1989, grazie al gol dello 0-2 da parte di Michael Thomas, decisivo per la differenza reti, Come ammette Mikel Arteta, “I nuovi kit sono piaciuti soprattutto per il forte legame con la storia del club a cui tutti siamo molto legati”, Non a caso, il tema principale della seconda maglia, “victorious”, è un chiaro riferimento al passato vittorioso dell’Arsenal..



Recent Posts